© 2006-2019 by Coro e Orchestra dell'Università del Piemonte Orientale. Created with Wix.com

  • UPO page
  • UPO page

Nell’ottobre del 2005, da un’idea di Andrea Mogni e di Emanuele Fresia - e con il supporto dell'allora Preside di Scienze MFN, prof. Castellani -, nascono il Coro e l’Orchestra in seno alla Facoltà.

L’anno successivo, l’Associazione diventerà d’Ateneo acquisendo il nome di “Coro e Orchestra dell’Università del Piemonte Orientale” con riconoscimento del Senato Accademico.

Da allora il Coro ha partecipato a due concorsi, corsi di formazione e masterclass; nelle sue fila hanno cantato un centinaio tra studenti, professori e personale tecnico-amministrativo.

Il repertorio del Coro abbraccia tutti i generi musicali e sono state affrontati più di 60 titoli alcuni dei quali, nel 2010, sono stati incisi in un CD (non pubblicato).

Il Coro ha sia un repertorio autonomo a cappella sia un repertorio con l’Orchestra la quale, a tutt’oggi, vanta un organico di circa 45 elementi tra studenti e professionisti.

La formazione ha partecipato a quasi tutte le cerimonie istituzionali dell’Ateneo e ha effettuato diversi concerti nei teatri di Alessandria, Novara e Vercelli.

 

Dai registri, i musicisti che hanno collaborato più o meno continuativamente con noi sono 124.

 

I brani in repertorio sono 92 (sola orchestra e orchestra con coro).

Nel 2013 nasce l’esigenza di avere anche una Wind Ensemble composta da 32 musicisti (circa) la quale ha 38 brani in repertorio.

 

Parallelamente si sono formati due piccoli ensemble per arrivare laddove i grandi complessi non riuscivamo a portarli: un quartetto d’archi e un quartetto di saxofoni (SAXUPO). Quest’ultimo si è esibito anche nella stagione dei Pomeriggi Musicali di Milano.

 

Tredici anni di attività, supportati principalmente dall’Ateneo, dall’EDISU (fino al 2010) e dalla collaborazione con Enti Locali ci hanno permesso di esibirci in 46 eventi (istituzionali) di varia natura raccogliendo il consenso dei partecipanti e diffondendo le proprie note in radio e tv locali, ma anche documentari per Torino Film Festival e per il Vaticano.